Cubìco le fedi

file-19-09-16-14-23-54

 

Le fedi sono un anello unico.

Le tre fedi insieme formano un cubo quasi perfetto. Dico quasi perfetto e lo dico con piacere ed orgoglio perché il lavoro è fatto interamente a mano.

Io non utilizzo stampi, non utilizzo stampanti 3D, non utilizzo macchinari perticolari se non un piccolo trapano quando devo fare dei fori in lastre spesse. 
Utilizzo solo seghetto e lime da orafo e carta smeriglio (oltre alle mie mani) fino ad ottenere tre elementi levigati e lisci. Per me non esiste la manicure, lo smalto, che adoro mettere, mi dura un giorno scarso, spesso me lo porto via con le lime. Ma non è importante, perché per me lavorare il metallo è una soddisfazione impareggiabile. Vedere nascere un oggetto da una lastra o da uno scarto industriale, da un profilato di alluminio o da un tubo di rame da idraulico è qualcosa di eccitante!

Rispetto il mio lavoro perché lo faccio con passione e gioia e sacrificio.

file-19-09-16-14-24-19


Gli anelli della serie Cubìco sono di alluminio. L’alluminio è un metallo povero che è per natura anallergico perché totalmente privo di nickel.

file-19-09-16-14-25-20


Le fedi formano un cubo di 2 cm x 2 cm.
La misura è unica e va bene se indossata al dito medio o anulare che abbia misura 17/17,5.

file-19-09-16-14-24-44

Come detto prima, l’irregolarità della lavorazione rende le fedi e l’anello unico. Non ce ne sarà mai uno uguale all’altro.
Le fedi nascono da un mio progetto personale, sono quadrate e spigolose, ogni spigolo racchiude in sé un segreto, una emozione.

file-19-09-16-14-25-38

La fede quadrata è in antitesi con la fede nuziale. Ma non ditelo a nessuno quando le indossate.
Ancora una cosa, un suggerimento: io a volte indosso le mie fedi separate, due in una mano e una nell’altra, così, per diversificare un po’.

P.S. Tutte le foto sono scattate da me. Non sono ritoccate, non è un bianco e nero. L’alluminio ha proprio il colore che vedete, si vede bene nella foto della mia grande grandissima mano…

Piera