Nelle imperfezioni

Nell’imperfezione, nella semplicità, nell’irregolarità di punti fatti a mano, risiede la bellezza.

Quando sto nel mio silenzio significa che “tramo” qualcosa… e questa volta nel vero senso della parola. Il silenzio mi aiuta a creare, tramo perché unisco parti di tessuti di lino, seta, cotone, e con semplici punti fatti a mano ho realizzato una linea di Gioiello Tessile del tutto nuova.

Ho imparato alcune tecniche di rammendo che arrivano da lontano sia nel tempo sia nello spazio. Ispirandomi a questa magnifica arte che ho elaborato su mio gusto, ho creato una linea di collane in edizione limitatissima. Ogni collana è modello unico non repricabile, ogni punto storto o dritto che sia porta con sé una parte di me e forse della mia anima.

Se siete curiosi, venite a scoprire di cosa si tratta, sarò ospite all’OpenLab di Studio Delta Pottery e Me.G dal 20 al 24 dicembre. Presto Info su Facebook.

Per ora solo piccoli scorci…

Piera

Due passi indietro ma anche di lato


“Due passi indietro, una piroetta. E corro via”.

Vi ho già detto che ottobre è il mio mese? Sì?!

Il prossimo martedì sarà il mio compleanno… invecchio? Non proprio, mi piace dire che divento grande, è il mio corpo che invecchia e a volte non sta dietro al mio spirito e allora bisogna trovare un compromesso, come ad esempio rallentare, cambiare strada, ma mai mai mai smettere di camminare, crescere, evolvere…

Nel mio cammino ho scoperto che fare due passi indietro (ma anche di lato) invece che dieci in avanti e non fermarsi mai, fa bene sia al corpo sia alla mente. I miei due passi indietro (ma anche di lato) mi vedono ritornare alla mia vera grande passione che sono i filati e la loro infinita possibilità di utilizzo nei capi moda e negli accessori come il bijoux tessile.

Così un po’ ascoltando l’istinto, un po’ per gioco, ho ripreso a fare un modello di braccialetto a crochet, un bracciale adatto a filati preziosi, come ad esempio il cachemire,  ma che ieri ho fatto con un filato particolare  e perfetto per me. Così ho creato questo braccialetto al quale ho applicato una rosellina di raso, qualche bottone vintage e un fiore fatto a crochet.

Che dite, vi piace?


Ho utilizzato un filato composto  70% di seta e 30% di lana, ma la particolarità di questo filato è che è tinto con erbe naturali, officinali e te ne accorgi fin da subito dal profumo che emana. Il filato è uno di quelli prodotti da Margherita Bratti,  proprietaria del laboratorio e marchio VIACALIMALA a Torino.

Nella mia ricerca di filati e tessuti sostenibili che voglio utilizzare per le mie creazioni quelli di VIACALIMALA rispondono alle mie esigenze: sono filati naturali, non trattati chimicamente, sono made in Italy e a 10 km da casa mia… in più sono adatti ai miei modelli, come per questo braccialetto.

Peccato non possiate sentirne il profumo attraverso le fotografie…

Il braccialetto è disponibile in vendita qui e a breve anche come pattern scaricabile.

“E ora che ho fatto due passi indietro, ma anche una piroetta sul posto, posso andare avanti, ci sono altri nuovi passi che attendono”.

A presto.

Piera

 

 

Sorgiva

Può un pezzetto di ulivo plasmato dalla natura e dal tempo ritrovare Vita?

Sorgiva – collana su tela –

Sorgiva è una collana che nasce dall’osservazione di un pezzetto di ulivo che mi è stato regalato da un falegname prevedendo già che ne avrei tratto qualcosa di unico. Sorgiva risorge da una tela  che ho dipinto con colori acrilici, è composta da un girocollo di filo rigido di ottone, intaglio di ulivo, una foglia di rame che ha la forma della foglia di ulivo, lavorata a mano e che ho lasciato grezza.

Sorgiva simboleggia la Pura Essenza di Vita, la fonte da cui tutto nasce, acqua pura cristallina, che ho reso su tela con i colori dell’acqua, con fili trasparenti, cristalli e pietre di lapislazzulo.

Sorgiva sarà esposta per la prima volta Domenica 9 aprile a La Bella Corte L’Evento n. 0

Potrà essere indossata solo quando deciderò di liberarla dalla sua tela, ma al momento rimarrà così, lei è un  esempio di “Arte da indossare” nel senso vero della sua definizione, il primo di una lunga serie che mi impegnerà nei prossimi mesi.

La mia visione del gioiello è la ricerca del significato simbolico, artistico e culturale che l’arte del gioiello sa esprimere in maniera singolare e unica.